5 scuse-anime-in-viaggio-mary-gioffre-coach

Le 5 scuse che ti impediscono di raggiungere i tuoi obiettivi

Passato l’entusiasmo e la voglia di progetti che il nuovo anno porta con sé, è facile scivolare nella solita routine e allontanarsi piano piano dai propri obiettivi.
A ostacolarci e spegnere la motivazione sono soprattutto loro: le scuse.

Quali sono quelle che ci diciamo più spesso? Vediamo le 5 scuse che ci impediscono di raggiungere i nostri obiettivi.

Non ho tempo

Le giornate sono di 24 ore per tutti noi, ma è il modo in cui gestiamo il tempo a fare la differenza. Non è questione di tempo, ma di priorità.
Vuoi leggere 52 libri in un anno? Verifica quanto tempo passi sui social o a navigare in internet, portati il libro in pausa pranzo, spegni la TV e inizia con poche pagine la sera prima di andare a dormire.

Si trasforma in: imparo a gestire bene il tempo

sono troppo stanca

C’è una bellissima citazione di Banksy che dice “Se sei stanco, impara a riposarti, non a mollare.” Rende bene l’idea. Anche in questo caso, è questione di priorità. Sono la prima a dire di prendersi cura di sé e se sentiamo di aver bisogno di riposare, facciamo bene ad ascoltare i segnali del corpo.  Attenzione però a non usarla come giustificazione.

Si trasforma in: Sento la necessità di riposarmi

Non ho soldi

Vuoi fare quel viaggio che hai in mente da tempo, ma continui a ripeterti che “non hai abbastanza soldi?” Sei proprio sicura che sia così? Certo, può essere effettivamente questo il caso se al momento non hai un lavoro o le spese sono superiori alle entrate, ma in tutti gli altri casi?

Più entrate o meno uscite è il motto.  Puoi ricercare una nuova collaborazione o trovare un lavoro part-time, oppure mettere da parte una somma ogni mese, cucinando a casa anziché andando al ristorante, rinunciando a quella maglietta in più che forse non è così necessaria o saltando la colazione al bar.

Quando vivevo a Madrid, facevo uno stage retribuito, ma metà di quello stipendio se ne andava per l’affitto in condivisione e le spese. Quella somma bastava giusto giusto per il mese, con lo stile di vita che avevo: andavo a pranzo fuori, dopo il lavoro mi trovavo con gli altri a bere una birretta, un po’ di shopping ogni tanto. Credevo fossero solo delle piccole spese più che legittime.  Quando poi ho sentito il forte desiderio di viaggiare, all’inizio mi sono detta: ma come faccio con quello che guadagno? Avevo la convinzione che viaggiare fosse costoso, ma la voglia e il bisogno di viaggiare era grande. Ho iniziato a ridurre le spese, tagliando dove potevo: mi cucinavo il pranzo, non compravo vestiti inutili e uscivo con gli altri solo una volta alla settimana.
Viaggiare era la mia priorità ed è stato proprio in quella occasione che ho scoperto Couchsurfing e ho ribaltato anche la mia convinzione limitante. Viaggiare poteva essere anche alla mia portata, spostandomi in bus, dormendo negli ostelli e mangiando cibo di strada.

Se un obiettivo è veramente importante per te, allora pianifica anche finanziariamente. Prima di dire che “non hai abbastanza soldi”, chiediti se hai abbastanza motivazione.

Si trasforma in: Pianifico le mie entrate e le mie uscite

Non è il momento giusto

Non esistono momenti giusti o momenti sbagliati, ma solo momenti.
A volte, ci sta che non siamo ancora pronte per un passo radicale e abbiamo bisogno di ancora un po’ di tempo per trasformare le paure. Sta a noi e alla nostra onestà, capire se ce la stiamo raccontando o se invece effettivamente non siamo ancora pronte per fare quello che abbiamo in mente di fare.

Si trasforma in: Cosa farei se non avessi paura?

Ormai sono troppo vecchia

Quante volte sento donne pronunciare questa frase, come se fosse un numero a dirci quello che possiamo o non possiamo fare. Non è l’età anagrafica, ma quella che sentiamo di avere.

Durante il mio viaggio in Australia, mentre facevo Couchsurfing da quella che è diventata poi la mia amica Sam, ho conosciuto Jackie, sua mamma. Capello bianco, piglio deciso, a 70 anni suonati, ha fatto lo zaino, ha salutato tutti ed è partita per fare il giro d’Europa…in solitaria ovviamente!
E come lei, tanti altri esempi. Non limitiamoci da sole.

Si trasforma in: Mi concedo il permesso di lanciarmi in nuove avventure

Se ti sembra di aver perso la motivazione ed essere senza energia, ritrovala allenando la tua intelligenza emotivaLe emozioni ci aiutano  infatti a creare l’energia necessaria per portare avanti tutti i nostri obiettivi, scopri come con Emozioni Preziose

La foto proviene da unsplash.

Ciao! Sono Mary, coach e anima in viaggio. Aiuto le persone che si sentono confuse e bloccate a fare chiarezza su ciò che è importante per loro e le supporto nello sviluppo della loro intelligenza emotiva per prendere delle decisioni più efficaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *