Parto o non parto? Un metodo per decidere

Se stai attraversando un periodo di cambiamento, è normale provare un mix di sentimenti ed emozioni: incertezza, paura, preoccupazione, confusione. L’intelligenza emotiva, di cui sei dotata anche tu, ci dice che le emozioni vanno sempre tutte bene perché ci portano dei messaggi, ci fanno porre l’attenzione su ciò che è veramente importante per noi.
Se stai pensando a un viaggio in solitaria per ritrovare te stessa o per prenderti un momento di pausa e ancora non hai prenotato, probabilmente sei bloccata dall’indecisione e dalla paura di fare una scelta sbagliata.
Come fare?

Anche in questo caso, ti invito a ricorrere alla tua Saggezza Interiore. Già, perché le emozioni sono delle informazioni super preziose che se accolte, ascoltate e integrate con la razionalità, ti portano a prendere decisioni migliori, allineate con i tuoi valori e ciò che è importante per te.
Vediamo come fare, seguendo un modello per mettere subito in pratica l’intelligenza emotiva (Fonte Six Seconds).

  1. Dai un nome alle emozioni
    Questo non è un mero esercizio linguistico, ma come dimostrato dalle Neuroscienze, nominare le emozioni ci aiuta a gestirle meglio.

  2. Chiediti quali opzioni hai
    Spesso tendiamo a ragionare in modo binario: o faccio questo o quello limitando il nostro campo di opzioni a due scelte che ci fanno sentire con le spalle al muro. In realtà, se generiamo almeno tre opzioni (ricerca dell’Ohio State University) è più facile vedere le alternative e prendere decisioni migliori, cioè decisioni che ci fanno sentire in pace con noi stesse.
    Ti invito a prendere carta e penna e scrivere tutte le opzioni che hai in questo momento.
    Es.
    Stare dove sei
    Partire per 15 giorni
    Partire con un biglietto di sola andata
    Partire con un biglietto di andata e ritorno
    Partire fra tre mesi
    Ecc.

    Vedi quante scelte ci possono essere in ogni situazione?
    Quale di queste ti trasmette sensazioni piacevoli, di agio e di sollievo? Il rischio di sovra-analizzare è dietro l’angolo, sintonizzati con le sensazioni del tuo corpo.

  3. Chiediti che cosa è importante fare in questa situazione?
    Pensa a te stessa fra qualche anno: che tipo di persona vorresti essere? Quale decisione di potrebbe supportare per diventarlo?

    Infine…che cosa faresti se non avessi paura?
    Ricordati che la strada si illumina passo dopo passo. Un po’ come quando si guida di notte: i fari illuminano la strada a poco a poco e lo stesso accade nella nostra vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *